ASSOPIUMA: A TUTELA DEL CONSUMATORE

Sorry, this entry is only available in Italiano.

8 risposte per “ASSOPIUMA: A TUTELA DEL CONSUMATORE

  1. walter

    Buongiorno. Ho seguito la vicenda dei “piumini” dai quotidiani di questi giorni ma mi sono rimasti molti dubbi e perplessità: i giornalisti di report hanno mostrato immagini, l’azienda ha dato la sua versione promettendo cause legali ma ..alla fine a chi devo credere? In sostanza, da consumatore che non vuole rinunciare ad un capo in piuma, come faccio a controllare in fase di acquisto che non sto alimentando un mercato insensibile e indifferente al rispetto delle regole e degli animali? Vi ringrazio

    Rispondi
    1. Assopiuma Post author

      Egr. sig. Walter, grazie per la sua domanda, ci da l’occasione per ribadire che il problema evidenziato dal servizio di Report è di vecchia data così come riteniamo lo sia il filmato proposto nel programma.
      Noi lo avevamo visto vari anni fa e proprio perché attenti alla salute dell’animale che ci fornisce un prodotto così prezioso, anche per nostro interesse, abbiamo con le associazioni di altri paesi e quella europea, avviato e concluso un iter normativo che ha portato alla definizione delle norme che abbiamo citato.
      Un animale in salute ha un manto migliore e il prodotto della sua muta naturale è di ottima qualità. Se l’animale viene seviziato non darà più un prodotto altrettanto buono.
      Ma per darle una risposta precisa possiamo solo sottolineare che tutte le aziende associate ad ASSOPIUMA rispettano oltre alle Normative europee anche dei protocolli più restrittivi in termini di qualità e che ogni partita di piuma è accompagnata da un certificato. Quindi l’acquisto di un prodotto che reca l’etichetta ASSOPIUMA è garanzia oltre che di qualità anche di rispetto delle regole.

      Rispondi
  2. Pingback: Obsolescenza programmata (o anche “Report, il piumino e il cappotto”. Ma soprattutto, #siamotuttioche). Pt.2 | Buone cose di pessimo gusto

    1. Assopiuma Post author

      Se un capo/prodotto ha l’etichetta ASSOPIUMA può avere la certezza che l’imbottitura è certificata nella sua filiera. Rispondiamo alla sua seconda domanda dicendole che chi importa la piuma e poi la tratta secondo le leggi italiane può rivendere ai brand.

      Rispondi
  3. Marianna

    Buongiorno, sono contenta che Assopiuma possa certificare la provenienza delle piume utilizzate dai propri associati, ma visto che in commercio ci sono piumini provenienti da tutto il mondo, non capisco perchè prendete le parti anche di quelli di cui non potete dare certificazioni. Io, in particolare, non mi fiderò di prodotti che non possano garantirmi l’assenza di crudeltà sugli animali, e, se ne ho bisogno, acquisterò solo prodotti con l’etichetta Assopiuma.

    Rispondi
    1. Assopiuma Post author

      Buongiorno a lei, grazie per aver voluto condividere con noi il suo pensiero. Noi abbiamo sempre sostenuto che acquistare un capo etichettato Assopiuma da sicurezza al consumatore. Non ci sembra di aver mai fatto delle considerazioni generali anche se riteniamo che il comparto nel suo complesso agisca con correttezza e noi abbiamo lavorato anni sotto il profilo normativo per regolamentare l’intero settore. Non possiamo escludere delle sporadiche eccezioni negative ma garantiamo che nel nostro ambito ciò non accade.

      Rispondi
  4. mauro

    Sono consapevole della qualità e le garanzie di Asso piuma , ma non sempre le cuciture corrispondono alla qualità dell’interno(piume) .Vorrei una risposta a questa domanda,grazie

    Rispondi
    1. Assopiuma Post author

      Il problema cuciture è annoso e si presenta sempre diverso in base alla continua evoluzione dei tessuti. Un minimo di tolleranza è previsto anche dalle norme. Sicuramente il lavoro di assopiuma è costante sull’argomento e i risultati sono molto evidenti.
      grazie per il suo commento.

      Rispondi

Leave a Reply to walter Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *